Cultura
stampa

"Plaidarts"

Un romanz di Gianluca Franco

Parole chiave: Palidarts (1), Gianluca Franco (1)

Presentât a Capriva al romanz di Gianluca Franco, (Ed. Socjetât Filologjca Furlana; contribût Cassa Rurâl Fvg, sostegno, Comun di Codroip, patrocini di chel di Capriva). Tanta la int plena di afiet; salûts dal diretôr da Filologjca, Feliciano Medeot, dal vicepresident Renzo Medeossi, da Assessora Linda Fantin; presint al plevan don Claudio Cidin. Leturis di Enrica Bon e Romeo Cuzzit; armoniga di Bruno Raza; chitara di Bruno Rivolt che l’à cjantât doi tocs componûts di lui sui tesç dal libri.

La peraula che nus presenta al titul no je di chês di ogni moment e chist za a segnala un caratar dal romanz: un lessic tratât a lustri fin.
Noaltris sin usâts a viodi scrivi (paraltri ancia vacjadis) int di letaris: al pâr strani che un om di scienza al vedi la vocazion.
Nuja vera, basta dagi una ociada ala leteradura taliana: Carlo Levi, miedi; Primo Levi, chimic; Mario Tobino, psichiatra... Si cjala simpri al leterât par spietasi alc di sest ta scritura. Magari che foss cussì! tanç di lôr, ancia che insegnin, no ti scrivin una ria nancia a metigi al cadanel tal nâs!
Gianluca Franco no: formazion sientifica, al nada in storia e lenga come al pess ta l’aga.
Lenga classica, koinè, la sô; no scrivi tant par scrivi, ma riflession, risecia par rimpolpâ al  vocabolari di uso, che al doventa simpri plui sclàin.
Savevi di lui , par un romanz su re Ricard e mi à interessât cuant che al diretôr da Filologica mi à domandât di presentâ chist lavôr (l’à vint al 37° premi San Simon di Codroip).
Al romanz (12 cjapitui) al intint lâ cuintra curint, no l’è un sbeleasi par belâ tant che li pioris; al ciala ta persona, par cjatagi una pussibilitât di saltâ fûr di chel che l’è spess judizi di condana.
Ài presentât la riedizion da "Predicis dal muini" di pre Bepo Marchet, Furlan di assalt, biela figura di inteletuâl. Chist libri di Franco no l’à nuia di spartî cun chel pai contignûts, ma pa forma sì, soradut tal lessic, e si cognoss che li leturis di Franco a sedin ladis ta direzion di chel che si podaress clamâ al furlan classic. L’è un scrivi madûr no dome pa peraulis: li descrizions di lûcs e di atmosferis a respirin puisia e realisim e fasin capî che al furlan l’è doprât cun nauraleza, dopo ascolt da regulis, leturis e rizercia. Lenga buna di indagâ la natura, i lûcs, li pleis da l’anima, fin drenti in om e femina: ancia la psicologia feminîl je indagada cun naturaleza e realisim, che no si ferma devant di una sensualitât che imbombìss al libri dulà che si trata di rapuats sentimentâi e fisics.
Ta letura, mi soi nacuart che Franco no si à catapultât a piruz in fantasiis che, prima o dopo, a sclopin cuant che si scrîf di storia, ma che daûr di sé al ten fermis leturis e indaginis par sostignî ancia storicamenti e sientificamenti chel che al scrîf. In curt, a la fin dal libri al dà una bibliografia par pojâ ze che l’à dit e dopo al naviga liberamenti in ambients, personagios, atmoferis, timps e lûcs, cun sigureza e in spiza di penna, no cul plomp dal orê zontâ, a ogni cost provis, su provis.
Cà l’è tant Medio Evo, alt e bass, scrit in tuna maniera che ti fâs sintî al savôr come se al foss avuè: l’è al profum dal timp e un scrivi lizer lizer che ti lu parta devant dai voi e da l’anima.
L’è come un lunari: ogni mês un personagjo. Zenâr al trata di un vanzeli scrit di San Marc (ancia se a je lienda, no al vanzeli, ma la man dal scrit) che al patriarcia di Aquilea, Nicolau di Lusemburg, gi lu regala a so fradi e l’è dut un lâ indaûr dal timp fin drenti un monasteri di San Canzian dal Isunz, e il no perdonagi al patriarcja di vegi regaladi un toc a so fradilastri Carli IV re di Boemia. In fevrâr salta fûr la storia di uarfins che uarfins no erin, dopo da granda uera, prisonîrs dai colegjos, platâts e tirâts via da maris, cuasi una vergogna di chist mond. Ven fûr la tenereza di mons. Giovanni Costantini (fradi dal fondadôr, chel che al doventarà al Cardinâl Celso Costantini), che al cjol part cun empatia a li soferenzis dai pizui. Un di chisç fruts al varâ la furtuna di viodi di scuindon la so vera mari, una storia pardabon patetica.
Par me, ma dome par me, che ài cognossût di persona al protagonist, la plui biela da storiis je la plui torbida, chê di Toni Zanella, "l’Ors di Pani". Pani, un puest di maravea, parsora Raviei, una storia torbida plena di tenereza di chist om ruspi, che si la intindeva cun tuna fiastra; ma Franco lu difint cun rason, par via che je, so fia no era.
Avrîl nus fevela di Tristan Savorgnan, da so posizion a favôr di Vignesia (sin ai prîns dal ’400), e dal tignigi bot al imperadôr Sigismond dal Lussemburg; storia di congiuris, sassinaments, dal medioevo cà propi "etât di fiar".
Mai al conta di un frut e da so famea sul sfont dal teremot dal ’76; storia dolza e tremenda dal rapuart difizil di lui, plen di problemis, e di so mari.
In zùin anciamò tal medioevo, "di fiar", a Zividâât assediada dai Àvars, e in tuna storia di amôr e muart. Conta di Romilda, che gi viarz li puartis da zitât, par via che era inamorada dal Cacan - al capo - di chê int besteala, dut un cul ciaval e cu la muart. Franco al zonta un’altra visuâl: Romilda oreva al incuintri dai popui e, a la fin, culpida da passion, e dal tradiment di un dai soi, a mûr impalada.
Si sint simpri la empatia di Franco cui fruzzâs dal destin; gi cjata simpri una sfresa di salvezza, cuasi cuasi la "lacrimetta" Dante.
In lui, vin la figura di un sienziât dal ’700-’800, che al va a pess (fossii, si intint) su la Mont Cialine, un sienziât sfurtunât: Lurinz Luîs Linussio, nevôt dal famôs Jacopo, di Tolmiez.
Tragedia ancia chê di Bassilla, la mima di Aquilea che à una lapide tal museo di chê zitât e che conta, cà, dal sô essi doventada cristiana, e di una muart in scena.
Setembar nus parta devant dai vôi Vanni Padoan, no partigjan, comissari da Garibaldi, ma frut che al sberla "viva l’Austria" devant dai Taliâns che ocupin Cormons e che gi ruvinin la vita a lui e a la so famea. Cà Franco si supera e al difind parfin i Talians! Cun onestât, al ripuarta li peraulis di un tenente che al cjapa li parts al frut.
Nadant tal timp, otobar nus mostra Insic, cul belandant Pauli Gasparut, condanât a Zividât, propi par essi belandant.
Ancia in novembar i Talians no fasin biela figura e nancia i nobj. Sin tal 1866; si conta di una storia torbida dal re Vittorio Emanuele II, di una contessa  e di una fia, fruta, che ven "dada" al re pa salveza economica da famea.
Al siara dizembar cul sienziât, Sef dai Suss di Ruvigna: al veva ciatât una formula matematica impuartantona, mai ricognossuda par via di un falut che gi àn simpri sgnacadi in musa.
Sin rivâts insomp di chist libri, plen di sienza e storia ben sparnizzada, sempliza e alta, scrita cun furlan perfet: si la lei di gust e met ancia la voia di scuviarzi; chist ancia l’è al messagio di Franco, cuasi butâ l’am, sperant no che un mona di pess, ma che un uman inteligjent lu ciapi… o si lassi cjapâ!

© Voce Isontina 2017 - Riproduzione riservata
"Plaidarts"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.