Chiesa
stampa

I giovani ci insegnano il volontariato

Testimonianze: l’esperienza di Sajjad

Parole chiave: Avvento di Fraternità (18), volontariato (20)

Il mio nome è Sajjad. Vengo dal Pakistan e attualmente vivo a San Pier d’Isonzo.
Prima di tutto, vorrei ringraziare il Governo italiano e tutta la popolazione che ci sostiene in un momento così difficile e ringrazio di averci dato una chance per iniziare a costruire una nuova vita.
Da qualche tempo sono diventato volontario dell’ AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e sto vivendo una meravigliosa esperienza con loro. Accompagno i pazienti in vari posti, ospedali, cliniche e in qualsiasi posto io vada la gente mi tratta con rispetto; quando la gente scopre che sono un rifugiato e che lavoro come volontario rimane piacevolmente colpita e apprezzano il mio lavoro. Mi sento così felice di poter aiutare qualcuno!!! Nessuno mi tratta come rifugiato in ufficio o in ospedale o fuori: tutti mi trattano come un cittadino. Sono così felice di essere un volontario. Questo è anche un modo per apprendere qualcosa di nuovo, mostrare le proprie abilità, oltre che essere un buon modo per fare formazione e per farsi conoscere... e mostrare loro che siamo brave persone. Non siamo popoli cattivi e questo è l’unico modo per annullare la distanza tra rifugiati e cittadini. Voglio fare qualcosa per questo Paese perché mi ha dato tanto.
Grazie all’Associazione Italiana Sclerosi Multipla che mi ha dato la possibilità di lavorare. Un grazie speciale a Caritas e a tutta la gente che mi aiuta e mi sostiene. (Sajjad, 27 anni)

© Voce Isontina 2017 - Riproduzione riservata
I giovani ci insegnano il volontariato
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.